Logo

Logo

Chi siamo

L'associazione, nata dall'idea dei genitori di Andrea sempre di corsa per conciliare il lavoro e la famiglia, ha l'intento di proporre attività e iniziative per vivere il tempo libero insieme ai propri bambini, per scambi di idee e opinioni tra genitori e per darsi una mano nella soluzione dei problemi organizzativi.

Al mare con il pancione...





In estate una donna incinta dovrebbe usare qualche piccolo accorgimento per preservare la propria salute e quella del bambino che porta in grembo.

Secondo gli esperti l'orario ideale per andare in spiaggia è nelle prime ore del mattino, e soprattutto è consigliabile una passeggiata sul bagnasciuga, per favorire la tonificazione e l'ossigenazione dei tessuti. Il nuoto, infatti, fa bene alla circolazione delle gambe e permette di fare una ginnastica totale, muovendo tutti i muscoli alleviando anche il peso del pancione e l'affaticamento. Due volte al giorno, mezz'ora al mattino e mezz'ora al pomeriggio, a patto di nuotare cercando di fermarsi prima di sentirsi affaticate. I movimenti a "rana" sono i più indicati e anche i più agevoli da effettuare. 

Tintarella sì, ma senza eccessi!

Tutte noi pensiamo che dobbiamo assolutamente sfoggiare una tintarella mozzafiato al ritorno in città. Il suo beneficio è indubbio, sia perché influisce positivamente sull'umore, regalando una carica di energia, sia perché stimola la produzione di vitamina D, essenziale per il rafforzamento delle ossa, da parte dell'organismo.
 L'importante è proteggersi; la cautela, specie in gravidanza è d'obbligo. Bisogna esporsi al sole nelle prime ore del mattino e nella seconda metà del pomeriggio. Viso e corpo vanno difesi con creme solari, che devono avere filtri di protezione pari almeno a 15/20, ma sarebbe preferibile utilizzare creme protettive a schermo totale. L'applicazione deve essere ripetuta più volte al giorno, sempre dopo il bagno, riservando particolare cura al volto, per evitare la comparsa di antiestetiche macchie scure che compaiono su mento e fronte

Quale menù preferire?

Chi di noi, in vacanza, non ama concedersi un gelato o una fetta di dolce in più? Qualche trasgressione non guasta, anche se la futura mamma dovrebbe attenersi alla dieta prescritta dallo specialista per evitare aumenti di peso.
Il caldo può essere combattuto anche con cibi leggermente piccanti, che favoriscono una corretta termoregolazione e aiutano l'organismo a mantenere il suo equilibrio rispetto all'ambiente  esterno. Andrebbero evitati gli alimenti che richiedono una digestione prolungata, come la carne e i fritti. Il pesce, invece, è tra i cibi meglio assimilabili. A metà mattina e nel pomeriggio, è ideale uno spuntino come uno yogurt o un frutto. Evitate gli aperitivi alcolici e il pesce crudo, soprattutto i frutti di mare per il rischio di epatiti. Meglio sarebbe fare pasti piccoli e frazionati a base di verdura e frutta, evitando quella troppo zuccherina, come uva, banane, ananas e fichi. Infine è necessario bere 2 litri di acqua al giorno in quanto depura l'organismo e aiuta a mantenere stabile la pressione. Bevete bevande non zuccherate, né gasate: la bevanda ideale è sempre l’acqua naturale. Possono andare bene anche alcun tisane da bere a temperatura ambiente, come la tisana al finocchio.
Nessuna controindicazione per il riposino pomeridiano, da godersi preferibilmente all'aria aperta, magari distese su un'amaca. È importante trascorrere un po' di tempo all'ombra, in quanto l'organismo, quindi la placenta e il feto, si ossigenano più facilmente, attivando i processi metabolici.

Come vestirsi?

Uno dei piaceri della vacanza è quello di vestirsi in libertà, con indumenti comodi e leggeri. Meglio privilegiare i capi in fibra naturale come il cotone e il lino, che oltre ad essere freschi, aiutano a mantenere inalterata la temperatura corporea, in quanto formano una sorta di intercapedine tra la pelle e l'esterno.
 Per affrontare una tranquilla vacanza al mare col pancione è importante abbandonare la spiaggia se si inizia ad avere mal di testa, perché potrebbe essere colpa del troppo sole preso e bisogna fare attenzione ai cali di pressione causati da spostamenti anche piccoli, come quando ci si alza da un lettino.Un'altra regola fondamentale é quella di non sedersi mai su una sdraio o sulla sabbia senza un telo, che dev'essere rigorosamente personale. In questo modo si eviteranno le infezioni vaginali, in particolare la candida.
Se soffrite di gonfiori, puoi abbronzarti egualmente, camminando con le caviglie nell'acqua. Il calore eccessivo, infatti, provoca la dilatazione dei vasi sanguigni e di conseguenza favorisce la comparsa di vene varicose.

Quindi, a giuste dosi, sole, acqua, aria pura e relax aiutano le future mamme a vivere ancora più serenamente il periodo dell'attesa.


































Nessun commento:

Posta un commento